Solidarietà a Maurizio Azzollini

Il testo della lettera scritta da alcuni colleghi di Maurizio Azzollini, capo di Gabinetto del Vice Sindaco di Milano Maria Grazia Guida, a cui ho dato la mia personale adesione.

Chi, per motivi ideologici, ha orchestrato e ancora squallidamente cavalca la vicenda dovrebbe vergognarsi.

 

Siamo un gruppo di amici e colleghi di Maurizio Azzollini, uno dei collaboratori del Vicesindaco coinvolti nel crollo del portone di via Agnello, al quale vogliamo testimoniare stima ed affetto.

Con sconcerto, dolore e rabbia, stiamo leggendo in questi giorni su molti quotidiani una serie di articoli nei quali vengono ricostruite le vicende personali di Azzollini, protagonista dei fatti di via De Amicis del 1977, quando era studente del Cattaneo.

E’ un episodio che ha avuto inevitabili sviluppi ed una conseguente conclusione: se ha lasciato tracce, queste sono nell’animo di chi quei fatti ha agito e vissuto, da ragazzo di sedici anni.

Noi abbiamo lavorato per tanti anni e continuiamo a lavorare a fianco  di Maurizio Azzollini, un funzionario tra i più competenti, capaci, disponibili e sensibili. Si è occupato di servizi per i bambini e per gli adolescenti e di adulti in difficoltà, con un impegno tenace ed un senso del dovere eccezionali, spesi per dare risposte ai bisogni delle fasce più deboli della cittadinanza, facendosi sempre apprezzare all’interno e all’esterno dell’Amministrazione Comunale.

Sono certamente state queste sue doti a farlo scegliere per l’incarico di Capo di gabinetto del Vicesindaco: non si tratta, come è stato scritto nell’articolo, di un avanzamento di carriera  – che per i dipendenti pubblici avviene solo attraverso specifici Concorsi – bensì di un incarico delicato, che  a lui comporta solo più lavoro e più responsabilità.

Ci ha amareggiati la gratuità di quegli articoli che, nel riportare ad attualità episodi conclusi del passato, hanno collegato senza ragione via De Amicis a Palazzo Marino e hanno impietosamente sconvolto la quotidianità di una persona che ha già pagato per il suo gesto.

Riteniamo che ciò esprima la degenerazione di un’informazione che per far notizia si alimenta di scoop e sensazionalità, che non ha rispetto per le persone, e così facendo contribuisce anche a  disgregare il tessuto sociale e ad allontanare i cittadini dalle Istituzioni –

                                                Un gruppo di amici e colleghi di Maurizio Azzollini

 

Milano, 26 febbraio 2012

Questa voce è stata pubblicata in Milano, Pictures, Politics. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Solidarietà a Maurizio Azzollini

  1. studentslaw ha detto:

    Reblogged this on Su Seddoresu.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...