Posso

dire un paio di cose – della serie “facciamoci del male”?

Chi decide di occupare uno spazio privato sa che – a meno che non sei negli anni ’70 e ti trovi in Via Leoncavallo a Milano – nel giro di poco tempo sarai sgomberato.

Soprattutto se il proprietario dello spazio che occupi si chiama Ligresti.

Se vuoi rompere le palle a Ligresti, ci sono tanti modi. Sceglierne uno che casualmente rompe le palle anche alla giunta Pisapia  vuol dire o che sei uno stolto, oppure che il tuo obbiettivo è (in realtà anche) rompere le palle alla suddetta giunta.

Visti alcuni dei presenti alla torre Galfa, direi la seconda.

Se vuoi uno spazio dove fare arte – posto che tu sia davvero un artista e non semplicemente uno che vuole occupare uno spazio qualsiasi – allora trova uno spazio pubblico abbandonato, lavora sul territorio in cui andrai a posizionarti per avere gli abitanti dalla tua parte, organizzati.

Per attirare l’attenzione sulla torre Galfa, uno scandalo milanese, esistono modi molto più intelligenti.

L’esigenza di spazi sociali è sacrosanta; se l’obiettivo dell’azione era aprire uno spazio di parola su questo, allora che si vada avanti. Chi incolla il culo alla torre, evidentemente vuole altro.

gif via curiositasmundi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Art, Culture, GIF, Milano, Politics. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...