Paraculi 2

La Polverina, che dire?

Prima si fa candidare (nominare) dallo psiconano. Poi “governa” una Regione senza accorgersi di ciò che fa il il Consiglio Regionale che presiede, pur partecipando a feste, festini, festoni, iniziative “elettorali” o “culturali” senza farsi non dico una domanda, ma senza porsi un dubbio su chi pagasse quegli eventi, di dove venisse la vil pecunia.

Poi, grazie alla magistratura (giudici comunisti!), si accorge di quanto fossero ladri i suoi compagni di partito e tutti gli altri che votavano a favore degli aumenti dei fondi (senza fondo) per i Gruppi. Si accorge incredibilmente di quante fossero le Commissioni (ciascuna con presidente, vicepresidente e soldi a disposizione) , i Gruppi Consiliari con un solo consigliere (e quindi ultra pagato). Si accorge che le cose che si facevano prima – a detta sua – e che si continuano a fare sono “schifezze” che vanno denunciate.

Quindi decide, lei che “certe schifezze” le aveva sopportate per “amore verso le Istituzioni” ma c’è un limite a tutto, di dimettersi (cosa che ancora non ha fatto peraltro), e lo annuncia in tivvù, e va in televisione a dare lezioni di etica a destra e a manca, e dice che lei è “una donna pulita e finalmente libera”  e che se ne torna a casa.

E poi, ti ritrovi questi.

E tu pensi che sia la sorella gemella.

O che sia schizofrenica.

Oppure una grandissima, bugiardissima stronza.

Questa voce è stata pubblicata in Culture, Life, Politics, regioni. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...